Loading
Zuppa di lenticchie speziata

Veganuary: cos’è, come funziona e alcuni consigli

La dieta vegana ti incuriosisce ma non ci hai mai provato? Oppure i bagordi di fine anno ti fanno desiderare qualcosa di diverso, almeno per un po’? Il Veganuary potrebbe essere la sfida perfetta per te.

Ma cos’è? Veganuary è un movimento nato nel 2014 nel Regno Unito, che incoraggia le persone a impegnarsi a seguire una dieta vegana per tutto il mese di gennaio. L’idea è quella di esplorare i benefici di questa scelta alimentare in termini di salute, ambiente e benessere degli animali, anche se solo per un breve periodo. Ogni anno partecipano centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo!

Perché partecipare al Veganuary?

L’obiettivo principale del movimento è la sensibilizzazione delle persone a una maggior consapevolezza alimentare, intesa – come anticipato – in relazione alla propria salute, all’impatto sulla natura e al rispetto degli animali.

Il rapporto tra dieta vegana e animali è molto infatti diretto, ma spesso non si pensa a come l’alimentazione incida anche sull’ambiente: la produzione di carne e l’allevamento intensivo sono tra le principali cause di deforestazione, inquinamento delle acque e produzione di gas serra.

Come affrontare il Veganuary con successo

Se non hai mai seguito una dieta vegana, è bene prepararsi al meglio, per evitare errori o carenze nutrizionali:

  1. Informati sui sostituti: con cosa puoi sostituire carne, pesce, uova e latticini? Tra gli alimenti più conosciuti in alternativa alla carne ci sono il tofu, il seitan, il tempeh e i legumi; per i latticini le bevande al gusto di latte a base di cocco, avena o mandorle; per l’uovo invece i semi di lino, il burro di cocco, il burro di cacao o l’acquafaba.
  2. Parti dalla tradizione: prima di lanciarti in nuove esperienze, inizia dalle ricette vegane che già conosci e che sono parte del tessuto gastronomico italiano; dal minestrone alla ribollita, dai carciofi alla romana alla focaccia alla genovese, hai solo l’imbarazzo della scelta.
  3. Pianifica i pasti: definisci un menu settimanale sulla base di un’alimentazione equilibrata (che contenga quindi un’ampia varietà di frutta, verdura, cereali, proteine e grassi) e sulla base di questo fai la spesa. Non sai quali nutrienti sono contenuti nei vari cibi? Ci sono tantissime app in rete che possono darti una mano, indipendentemente dal sistema operativo!
  4. Controlla le etichette: non dare per scontato che un cibo sia vegano solo perché all’apparenza lo sembra. Ci sono tanti falsi amici in commercio, dalle patatine in sacchetto (che contengono spesso lattosio) agli affettati vegetariani (per i quali in alcuni casi è usato l’albume d’uovo).

Cerchi qualche ricetta più gololsa? Ecco cosa puoi trovare tra le pagine del magazine: