Loading
Arrosto di arista

Arista ripiena arrosto – la primavera è servita

L’arista ripiena arrosto è un secondo piatto ricco, perfetto per le giornate di festa. La versione che trovate qui è una variante primaverile, carica di colore e di primizie del periodo; una portata ideale per le domeniche di sole.

Per ottenere un arrosto rosolato fuori, ma tenero e succoso all’interno è fondamentale il procedimento di cottura: con la rostiera Diamantea Tognana il risultato è garantito perché consente di far dorare l’esterno della carne e di sigillarne i succhi su fiamma per poi proseguire con la cottura in forno, usufruendo della protezione del coperchio in dotazione. In tal modo il calore ben distribuito penetra a fondo, senza bruciare la superficie dell’arrosto.

Arrosto di arista ripiena

Quando l’arista ripiena sarà pronta è importante avvolgerla con un foglio di carta di alluminio per farla riposare una quindicina di minuti; ciò consente alla carne di “rilassarsi” e di essere tagliata più agevolmente.

Un altro aspetto molto importante di un arrosto è proprio il taglio: occorre tener ben fermo il pezzo intero su un tagliere e poi procedere con un coltello apposito, ben affilato, per ottenere delle fette regolari.

A tale proposito un risultato perfetto può essere ottenuto con il Bamboo carving set – linea starbamboo – di Andrea Fontebasso; un kit oltre che utile, bello da portare anche in tavola.

Arista farcita

Per servire l’arrosto e renderlo ancora più scenografico, scegliete un piatto da portata ovale e capiente in cui sistemare la carne al centro circondata dalle verdurine. Utilizzate, infine, per la vostra tavola dei tessuti colorati dai toni primaverili e… buon appetito!

Ricetta arista farcita al forno

Arista ripiena al forno: la ricetta

Dettagli

  • Preparazione: 00:45
  • Cottura: 01:30
  • Cucina: Italiana

Ingredienti

  • 1,100 kg di arista in un unico pezzo
  • 1 uovo
  • 50 g di grana grattugiato
  • pangrattato qb
  • pepe nero macinato fresco
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 100 g di ricotta vaccina
  • punte di asparagi bianchi già lessati
  • 2 cipollotti
  • carotine baby
  • pisellini freschi
  • patate novelle
  • olio extravergine di oliva
  • vino bianco secco
  • sale

Preparazione

  • 1Preparate la farcia: raccogliete in una ciotola la ricotta ben sgocciolata, l'uovo, il grana, un po' di prezzemolo tritato e amalgamate. Salate, pepate e aggiungete qualche cucchiaio di pangrattato fino ad ottenere un composto cremoso e non troppo liquido.
  • 2Con un coltello ben affilato aprite l'arista a libro. Salate l'interno e cospargetelo con la farcia. Distribuite poi le punte di asparagi bianchi. Avvolgete ben stretta l'arista su se stessa partendo dal suo lato più corto e legatela con uno spago da cucina. Massaggiate l'arrosto con sale e pepe.
  • 3Versate nella rostiera Diamantea un po' di olio e fatelo scaldare su fuoco vivace. Adagiate quindi l'arista e fatela dorare per qualche minuto su tutti i lati. Lasciate dorare anche le estremità dell'arrosto ponendolo per pochi secondi in verticale. Sfumate con il vino bianco. Aggiungete 1 bicchiere di acqua.
  • 4Incoperchiate e mettete in forno statico preriscaldato a 200°C per circa 40 minuti. Nel frattempo pelate le patate e massaggiatele con un po' di olio. Sbollentate i pisellini e le carote precedentemente mondate, scolate e tenete da parte. Infine pulite e affettate i cipollotti.
  • 5Estraete la rostiera, girate l'arrosto e aggiungete le patate. Incoperchiate e infornate nuovamente per 30 minuti. Estrarete la rostiera un'ultima volta: girate le patate e aggioungete i cipollotti affettati seguiti dai pisellini e dalle carote ben scolati. Condite con un filo d'olio, sale e infornate, questa volta senza coperchio, per circa 15 minuti. Ultimate la cottura con 5 minuti sotto il grill e sfornate.
  • 6Avvolgete l'arrosto in un foglio di carta di alluminio e fatelo riposare circa 15 minuti. Rimuovete poi lo spago e affettate l'arista in maniera regolare. Trasferite l'arrosto su un piatto da portata insieme alle verdurine, ultimate con una spruzzata di pepe, un giro di olio a crudo e servite.

Lascia un commento